PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica

 Il risarcimento del danno da occupazione illegittima deve comprendere sia la perdita che il mancato guadagno

Anche in materia di occupazione acquisitiva da parte della pubblica amministrazione di immobili privati - che si verifica quando alla dichiarazione di pubblica utilità non sia seguito il completamento del procedimento di espropriazione - l'eventuale risarcimento del danno sofferto dal proprietario per tutto il periodo in cui si è protratta la detenzione abusiva del bene, e poi per l'ablazione, rientra nella vasta categoria dell'art. 2043 c.c.; tale danno deve comprendere, così come per qualsiasi altra liquidazione, secondo i criteri tratti dagli artt. 1223 e 2043 c.c. e segg., sia la perdita subita che il mancato guadagno, salvo che il privato non intenda chiedere la restituzione del bene.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 























Powered by Next.it