PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica
  • HOME
  • Notizie
  • Edilizia
  • Abusi edilizi
  • I REATI DA MANCATA RIMOZIONE DELL’OPERA PRECARIA SI CONSUMANO NEL GIORNO IN CUI L’OPERA AVREBBE DOVUTO ESSERE RIMOSSA E NON CON L’EFFETTIVA RIMOZIONE

 I reati da mancata rimozione dell’opera precaria si consumano nel giorno in cui l’opera avrebbe dovuto essere rimossa e non con l’effettiva rimozione

Nei reati previsti dal D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, art. 181, comma 1, e D.Lgs. n. 380 del 2001, art. 44, lett. c), quando gli stessi sono integrati dalla mancata rimozione entro il termine prescritto di un'opera precaria, la consumazione si verifica nel giorno in cui l'opera avrebbe dovuto essere rimossa, e, quindi, da tale data decorre il dies a quo ai fini del computo della prescrizione.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 







































Powered by Next.it