ISSN 2038-4351

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica

 La violazione delle distanze legali rispetto ad un fondo inedificabile di fatto non consente di rigettare il condono edilizio

E' illegittimo il diniego di condono se l’eventuale sanatoria degli edifici in questione, quantunque localizzati ad una distanza inferiore rispetto a quella consentita, non avrebbe pregiudicato affatto la potenzialità edificatoria del vicino, assente ab origine (nella specie perché il fondo viciniore aveva un larghezza di soli mt.18: sicché il limite minimo di distanza di 10 mt. dal confine, previsto per l’edificazione in zona agricola, precludeva ipso facto la possibilità al vicino di realizzare alcuna costruzione).


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 































Powered by Next.it