ISSN 2038-4351

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica
  • HOME
  • Notizie
  • Edilizia
  • Distanze
  • LE COSTRUZIONI SEPARATE DAL TERRENO DI TERZI DEVONO RISPETTARE UNA DISTANZA DAL CONFINE PARI ALLA METÀ DI CIÒ CHE RESIDUA CONTEGGIANDO QUEL TERRENO

 Le costruzioni separate dal terreno di terzi devono rispettare una distanza dal confine pari alla metà di ciò che residua conteggiando quel terreno

Quando due fondi siano separati da una striscia di terreno intermedia, inedificata o inedificabile, che abbia una larghezza inferiore al distacco dal confine prescritto per le costruzioni, ciascuno dei proprietari deve costruire sul proprio fondo a una distanza, rispetto al confine con il terreno di proprietà aliena, che non sia inferiore alla metà della differenza che residua sottraendo dal distacco imposto dalla normativa edilizia la misura dello spazio occupato dalla striscia di terreno interposta, quest'ultima risultando così "neutralizzata" nel computo della distanza minima.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 































Powered by Next.it