PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica
  • HOME
  • Notizie
  • Edilizia
  • Distanze
  • NEI REGOLAMENTI EDILIZI RILEVA LA DISTANZA IN SÈ DELLE COSTRUZIONI A PRESCINDERE DAL LORO FRONTEGGIARSI E DAL DISLIVELLO DEL FONDI SU CUI INSISTONO

 Nei regolamenti edilizi rileva la distanza in sè delle costruzioni a prescindere dal loro fronteggiarsi e dal dislivello del fondi su cui insistono

Ai fini del rispetto delle norme contenute nei regolamenti edilizi - laddove stabiliscono le distanze tra le costruzioni e di esse dal confine, essendo disciplina volta non solo ad evitare la formazione di intercapedini nocive fra edifici frontistanti, ma anche a tutelare l'assetto urbanistico di una data zona e la densità degli edifici in relazione all'ambiente (finalità, quest'ultima, che viene realizzata dalle norme regolamentari stabilendo una distanza tra le costruzioni superiore a quella prevista dall'art. 873 c.c.) - ciò che rileva è la distanza in sè delle costruzioni a prescindere dal loro fronteggiarsi o meno e dal dislivello del fondi su cui insistono.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 























Powered by Next.it