PERIODICO IN FORMATO DIGITALE ISSN 2038-4351
 

Ricerca RICERCA AVANZATA
Print Page
  Direttore del network : dott. Paolo Loro Direttori scientifici: dott. Paolo Loro, avv. Raffaello Gisondi, dott. Gabriele Lami, ing. Antonio Iovine  
Espropriazione per la pubblica utilità URBIM - edilizia e urbanistica
  • HOME
  • Notizie
  • Edilizia
  • Distanze
  • LA DISTANZA MINIMA NELLE SOPRAELEVAZIONI DI DIECI METRI VERSO GLI EDIFICI ANTISTANTI VA RIFERITA SOLO ALLE VEDUTE E NON ALLE FINESTRE LUCIFERE

 La distanza minima nelle sopraelevazioni di dieci metri verso gli edifici antistanti va riferita solo alle vedute e non alle finestre lucifere

Ai sensi dell'art. 9 del D.M n. 1444/68, l'espressione "pareti finestrate", riguardante la distanza minima nelle sopraelevazioni di dieci metri verso gli edifici antistanti, va riferita alle pareti munite di finestre qualificabili come "vedute", senza comprendere quelle sulle quali si aprono finestre cosiddette lucifere.


 Per accedere alla consultazione di questa sezione, occorre essere abbonati. Alcuni contenuti sono consultabili anche previa registrazione gratuita: prova a registrarti.




Vai a : 







































Powered by Next.it